27
Gen
10

Bologna Violenta

Prima che gli dei, per dimostrarci la loro benevolenza con doni abbastanza rari, ci hanno concesso la gioia del download digitale, conservavo mensilmente alcune milaLire (Poi €uro) da spendere in cd musicali, nei pochi ma ben forniti negozi della città dei Bruzi. Era un appuntamento non fisso, ma che cadeva con poco margine d’ errore almeno una volta al mese. Era un momento delicato, non potevo permettermi di prendere ciofeche, all’ epoca non c’ era internet, quindi mi attenevo ai consigli di amici, mio fratello, amici di mio fratello che in seguito diventarono anche miei amici, e barboni dell’ autostazione (Poi ho cominciato a mandare a fare in culo mio fratello, per quanto riguarda il lato musicale, quando ho attraversato il medioevo da metallaro adolescente). Questo rituale si è perso nel tempo, prima con l’ avvento dei masterizzatori (Quando venni fermato al liceo da un paio di tizi che mi chiesero “Chè me lo puoi passare Number of The Beast tarocco se ti do qualcosa dei Pantera??) e soprattutto per questioni economiche, ho deviato le spese materiali perlopiù in libri/fumetti e droga, tamponando la mia voglia di scoperte musicale, con il continuo flusso di dati digitali. Per non sentirmi un totale delinquente, per giunta in debito con gli artisti che hanno migliorato il mio umore salvandomi dal suicidio per innumerevoli volte e per aggiungere un’ altra fissazione alla mia già folta collezione di Fissazioni (Vedi la voce “Macchiè?“) ho deciso di comprare musica secondo una serie di variabili:

A) Alcuni gruppi è reato non avere una copia originale (Es. i Tùl)
B) Se vedo una band cazzuta dal vivo e ho soldi in tasca, devo avere il ciddì, e possibilmente farmelo autografare
C) Raptus

Ora ci soffermeremo sul raptus, ovvero il succo di questo post.
Circa una settimana fa, esco da casa della mia ragazza, e decido di comprare Rumore, dopo il caffè fumo una sigaretta strada facendo. Tirandomi i semafori gialli della Tiburtina, arrivo all’ altezza del cinema porno alchè mi salta in mente “Cazzo devo passare dalla legatoria a prendere la mia copia affettata di Watchmen (lì da luglio 2009) ma allo stesso tempo, il noto e letale effetto caffè + sigaretta si fa sentire. Con una svolta azzardata mi fiondo a casa e scappo al cesso, Rumore alle mani. Tranquillo mi accendo un altra sigaretta e sfoglio ciò che potrebbe interessarmi nelle recensioni, li mi balza all’ occhio un artwork minimale, chiaramente ispirato ad un manifesto mortuario. In genere mi fido finita la cacata nucleare tiptappo sulla tastiera cercando qualche informazione su internet. Apro il maispeis del suddetto Nicola Manzan e faccio partire Morte. Inizia con blastate di drum machine miste alla voce di una cagnetta. Così pezzo per pezzo mi arrapo e devo assolutamente avere l’ album, corro sul sito delle poste e controllo, ok ho 15 euro, e tra qualche click quì e li ordino il cd aspettandolo fremebondo. Aspetto qualche giorno tamburellando sul tavolo e pregustandomelo finchè mi arriva (Insieme a Comunicato N° 2 dei Fuzz Orchestra) e comincio a sentire  st’ orgia delirante di tupppatuppatuppatuparurururupaappapapapa mista alla voce seria(?) dello speaker che illustra  faccende grottescamente verosimili di muorti e stramuorti a là Mondo Cane (O molto simili, anche se ho il dubbio che qualcuna sia stata fatta ad hoc). Aspetto con ansia di vedere dal vivo il 3 marzo al Circolo degli Artisti (E non disdegno che ci sia anche il Teatro degli Orrori). Morale della favola ho pensato alla fine dell’ ascolto questo:

Ma nei cessi fake dell’ Ikea, ci sono le tazze? E soprattutto, gli addetti in polo gialla, hanno anche mansioni da dissuasori nel caso mi mettessi a pisciare in uno di questo lì fra una coppietta di neosposi e bambini  nutellosi che smadonnano come dèmoni  su un divano Skruvpast?

02
Gen
10

2010seghe

Fa pensare il fatto che ho ripreso in mano tastiera e monitor con l’ anno nuovo (In realtà non fa pensare un cazzo, ma fa figo dire che qualcosa faccia pensare) per fare un resoconto più o meno serio della situazione geopolitica mondiale, mentre mangio un cuneese. Il 2009, come i precedenti 22 anni della mia vita è stato un anno palloso, con qualche picco divertente, e tanti evitati suicidi postcena. Sono sempre il solito stronzo nichilista e menefreghista, ma almeno ho preso ad interessarmi delle cose che succedono nel mondo attorno a me, e sono riuscito anche a superare il terrore per gli oggetti posizionati involontariamente sul sedile del passeggero. Ho viaggiato discretamente e ho ripreso a bere, Watchmen mi ha soddisfatto, in barba alle critiche globali, in primis quelle del Morandini. Col sopracitato Morandini, sono stato a vedere Antichrist, dove alla fine del primo tempo ho messo volontariamente gli occhiali da sole per protesta, per poi uscire estasiato dal cinema per la sonora dose di misoginia e di scene gore più o meno insensate. Gli italiani continuano a menarsela con la loro cazzo di privacy, come se a qualcuno fottesse qualcosa della loro vita privata su internet e continuano a comportarsi come vip attenti a non fare vita mondana. Lo stesso discorso vale per la gente che mi ha fatto rimuovere forzatamente i “Parla con…” da facebook come se fosse qualcosa di realmente infamante agli occhi del popolo. Ora farò una breve lista delle migliori cose del 2009, un po perchè fa intellettuale, un po perchè mi piace fare liste, un po perchè l’ ho visto fare ad altri:

Migliore Album

Zu – Carboniferous

Migliore Live

Nine Inch Nails @ Ippodromo di Capannelle – Roma 22/07

Migliore Scoperta Musicale

Have a Nice Life

Miglior Film

ex Aequo con

Menzione d’ onore speciale alla scena delle iguane ne “Il Cattivo Tenente” di Herzog

Migliore notizia stronza

Woody Harrelson aggredisce un fotografo convinto che fosse uno zombie

Miglior Videogioco

Migliori Dipendenze, Leitmotif e altre cose non categorizzate del 2009
– Texas hold’ em Poker
-World of Warcraft Wrath of the Lich King
-Twizzlers
-La mia vita rovinata da Infinite Jest
-Electric Avenue di Eddie Grant
-Scoperte Shockanti a due o tre giorni prima della fine dell’ anno che ti causano conati di vomito
-Duca di Sanfelice (Vino)
-Chimay (Birra)
-La mia ragazza che mi regala Inkognito per natale, e io che le regalo uno stereo decente per la macchina così non saremo costretti a sentire sempre Ottaviano Bleach ogni volta che usciamo di sera


23
Giu
09

Clash of the Titans

Non so se avete mai sentito parlare di Google Battle, per chi non lo sapesse, è un sito che permette di scatenare un’ ipotetica battaglia tra due Tags, e vince chi su google ha più risultati. Da quì mi sono partite in mente varie sfide che pensavo da tempo, ad esempio Goldrake contro Hitler, o un classico tipo The Undertaker Vs. Renato Dulbecco… E mentre immaginavo e pregustavo lo sterminio di Dr. Manhattan su tutti gli odiosi cattivi di Dragon Ball, mi è venuto un lampo di genio: Chi potrebbe mettere fine al regno del terrore di Dio?? Dapprima ho provato contro Lemmy, ma purtroppo evidentemente il buon capoccia dei Motorhead deve mangiarne ancora pane…

RESULTS
God VS. Lemmy
God 492,000,000 (view)
Lemmy 1,560,000 (view)
Total Pages Searched: 493,560,000
GoogleBattle winner is God

Dopo mi sono affidato alle nuove generazioni, chissà se il delirante culto di Harry Potter avrebbe potuto fermare il Cristianesimo:

RESULTS
god VS. harry potter
god 491,000,000 (view)
harry potter 88,300,000 (view)
Total Pages Searched: 579,300,000
GoogleBattle winner is god

Qualche progresso c’è stato, ma ancora lontano dalla meta, ho avuto un lampo di genio, qualcosa di talmente potente che nemmeno il vecchio triangolo ciclope avrebbe potuto fermare:

RESULTS
god VS. sex
god 491,000,000 (view)
sex 740,000,000 (view)
Total Pages Searched: 1,231,000,000
GoogleBattle winner is sex

Io lo vedo come un trionfo dell’ umanesimo…

27
Mar
09

Wiener Gegen Wiener Reprise

Ultimamente si è tornato a parlare di Joseph Fritzl, il tizio che segregò e pernò per 24 anni in cantina sua figlia. Il Walt Disney del terzo millennio in questione, si è beccato un ergastolo nel tripudio della giuria.  Ma da qualche giorno, questo record gli è stato strappato da un uomo di Torino che ha sequestrato sua figlia e pernato per ben 25 anni, un anno solo in più per strappare il record all’ Austriaco, incredibile. Anche se i giurati hanno giudicato la prestazione di Fritzl con svariati 8 e 9 per la fantasia e l’ esecuzione.

Ah e volevo fare i miei complimenti a Chantelle, voluttuosa madre quindicenne inglese, che si è trovata incinta dopo un rapporto sessuale con un 13 enne che mostrava molto di meno, che si è scoperto con l’ esame del dna di non essere il padre, anzi si sono proposti una dozzina di ragazzi. Davvero tanti applausi alla meta-cofana, che a quindici anni, ha già degustato una dozzina di cazzi.

18
Set
08

Porte Allarmate

Non ho mai capito perchè scrivo sempre su questo blog di mattina presto (forse per questo che scrivo così poco ultimamente, è un periodo della giornata nella quale di solito passo il tempo a inchiodare sonno) e soprattutto quando ho una grossa cacata che mi preme in corpo, il classico bambino marrone da partorire insomma… Devo sempre affrettarmi per correre al cesso e spesso vengono post più mediocri di quanto vorrei fare. Evidentemente è l’ istinto di sopravvivenza, un po come il cane di Pavlov che iniziava a sbavare quando sentiva il campanello che sanciva l’ ora di pranzo, il mio cervello inizia a fottersi quando sto per esplodere nuclearmente, rischiando di distruggere qualsiasi forma di vita nel raggio di 80km, quindi le parole e le idee che ho covato tutta la notte e magari come uno stronzo non ho appuntato appena mi inizia a premere il bassoventre, come gli spettatori di una partita in uno stadio dove è appena crollata una copertura, iniziano ad accalcarsi terrorizzate verso l’ uscita, garantendo poi un risultato mediocre, e quindi le relative imprecazioni.

Ora mi chidevo se  avete mai aperto una porta d’ emergenza collegata ad un allarme.

17
Ago
08

Stamattina, dopo la mia prima sbronza estiva (Si sono stato tardivo st’ anno), mentre i fumi dell’ alcool andavano affievolendosi, ero steso sul letto, con la bocca impastata, cercando di scatramarla bevendo acqua calda ogni tanto. La televisione mandava una partita di pallavolo femminile, che guardavo più che per interesse sportivo, per i culi marmorei delle giocatrici (delle quali tralaltro odio l’ esultanza per ogni punto segnato)

Allora quì mi è sorto l’ atroce dubbio; Ma gli allenatori delle squadre femminili, sono autorizzati a vedere le tette delle giocatrici? Perchè se fosse così, penso che al di fuori dell’ ambito sessuale e medico sia l’ unica figura professionale in grado di vedere tette gratuitamente

05
Giu
08

Wiener gegen wiener

Non so perchè puntualmente mi trovo a scrivere stronzate di mattina, sarà forse il fatto che agli occhi della gente, c’ è la consuetudine di ritenermi un uomo buono e di sani principi morali. Quindi il fatto dell’ alzarmi di buon’ ora si ricollega alla nascita della vita per onorare nostro signore gesucristo.

Apparte il delirio senile immaginario che mi coglie verso quest’ ora, sono rimasto particolarmente colpito da un fatto particolarmente divertente; Avete presente quel tizio austriaco (Che nazione del cazzo l’ Austria tralaltro, penso che sia l’ unica che superi in stronzaggine la Spagna) che ha segregato la figlia per una quantità di anni sconclusionata per sbattersela ritmicamente e farci 7 figli. Bene non è questo il fatto che mi ha colpito, ma quello che un giornale osterreico sostenesse che al caro Josef Fritzl in carcere siano arrivate oltre 200 lettere, la maggior parte d’ amore, da parte di donne che lo ritenevano un vero uomo. Ora non voglio fare del moralismo, ma trovo abbastanza triste il fatto che ci sia gente che per creare scalpore manda le lettere ai criminali all’ ultimo grido ritenendo di essere alternativi. Le suddette donne in questione in cerca di un principe azzurro stupratore, mi avrebbero stupito più se avessero scopato con il primo passante o se avessero fatto qualcosa che potrebbe essere ritenuto “emancipato”.

Il discorso che voglio fare è che si cerca l’ estremizzazione dell’ alternatività (Come ad esempio le troiazze che vanno in giro dicendo di ascoltare metal quando è già assai che hanno sentito due o tre canzoni dei Cradle of Filth) in vaccate del tipo “mi metto le catene faccio il segno del demonio così sono tremendamente fuori dagli schemi però se si tratta di prendere un cazzo in bocca mi metto a piangere come una cheerleader il giorno del suo primo stupro di gruppo” quando invece il distinguersi veramente dalla massa sta nelle piccole stronzate quotidiane. Non so se mi seguite, magari no, magari è un discorso che è stato rifatto 16000 volte, ma a me andava di dirlo e non me ne frega un cazzo di ciò che pensate, mi serviva semplicemente qualcosa da costruire attorno a questa foto che dovevo assolutamente postare:

Non sembra un incrocio fra Walt Disney e qualcunaltro??? Se riuscite ad indentificare il qualcunaltro non tardate a scriverlo nei commenti